venerdì 13 febbraio 2015

RIFLESSIONI PROVOCATORIE....

DOBBIAMO STARE BENE PER POTER PRATICARE IL VIET-CHI-DAO O PRATICARE IL VIET-CHI-DAO PER STARE BENE???
Attendo commenti..............


Frasi da ricordare....
''KINDNESS HAS ITS OWN LIMIT BEYOND WHICH STUPIDITY WILL COME'' (gm PH 15.01.15)


LA PARTECIPAZIONE è la chiave del successo in ogni cosa,  
DORMIRE è un buon modo di riposarsi quando è necessario,  
DORMIRE TROPPO significa morire lentamente dall’interno…
(GM, 12 luglio 2014)

mercoledì 11 febbraio 2015

HO DIEP CONG - la lezione della farfalla

La lezione della farfalla


Un giorno, un piccolo foro apparve in un bozzolo.

Un uomo che passava di lì, si fermò per diverse ore ad osservare la farfalla che cercava con tutte le forze di uscire da quel buchino. Dopo parecchio tempo, la farfalla sembrò aver abbandonato i suoi sforzi: il buco era ancora piccolo. Potremmo dire che la farfalla ci aveva provato con tutto quel che
aveva, e non ce la faceva più.
L'uomo decise allora di aiutarla: prese un coltellino e aprì il bozzolo. Subito la farfalla riuscì ad uscire: il suo corpo era magro e intorpidito, e le sue ali non si erano ancora sufficientemente sviluppate e riuscivano a malapena a muoversi. L'uomo continuò a guardare, pensando che da un momento all'altro le ali della farfalla si sarebbero aprte e lei avrebbe preso il volo... ma non accadde! La farfalla passò il resto della sua vita trascinando il suo magro corpicino sul terreno e con le ali rattrappite: non riuscì mai a volare.

Ciò che l'uomo non aveva capito, è che, nonostante il suo gesto gentile e la sua voglia di essere d'aiuto, il passaggio della farfalla attraverso il buco del bozzolo era il tipo di sforzo necessario perché riuscisse a spingere i liquidi del suo corpo alle ali, in modo di rafforzarle per mantenerla in volo. Era la forma attraverso la quale la vita la spingeva in modo da svilupparsi e crescere.

A volte uno sforzo è proprio ciò che ci serve per affrontare la vita. Se vivessimo una vita senza ostacoli, saremmo molto limitati. Non potremmo essere così forti come invece siamo. Non potremmo mai volare.

Ho chiesto forza … e la vita mi ha dato difficoltà per rafforzarmi.
Ho chiesto saggezza … e la vita mi ha dato problemi da risolvere.
Ho chiesto prosperità … e la vita mi ha dato un cervello e dei muscoli per lavorare.
Ho chiesto di poter volare … e la vita mi ha dato ostacoli da superare.
Ho chiesto amore … e la vita mi ha dato persone da aiutare con i loro problemi.
Ho chiesto favori … e la vita mi ha dato potenziale.
Non ho ricevuto ciò che ho chiesto … ma ho ricevuto tutto ciò di cui avevo bisogno.
Vivi senza paura. Affronta ogni ostacolo e prova che li puoi superare.

Lillyth – Nadja THOMAS

(L'importante non è sapere se una via ha la verità, l'importante è che la via canti alla nostra anima).

UN WE PIENO DI INSEGNAMENTI E SORPRESE

Dal 6 all'8 febbraio io e Michele, assieme a Massimo di Oderzo, ci siamo recati a Torino per vari impegni relativi al VIETCHI INSTITUTE.
Venerdi sera si è svolta l'Assemblea Generale annuale dell'Associazione, sabato abbiamo lavorato tutto il giorno a tavolino su vari aspetti organizzativi e domenica è stata la giornata degli esami.
Si sono svolti, infatti, i primi esami per il rilascio di nuove cinture nere e il riconoscimento di nuovi gradi per quelle già esistenti.
E' stata un'esperienza fantastica: 4 ore al mattino per esaminare 4 nuove Black Balt di 1° Dang, tutti bravissimi, preparazione ineccepibile e completa da tutti i punti di vista (che sono tanti!).
 Il clima instaurato in tale occasione è stato ancora più fantastico: non c'erano allievi, non c'erano insegnanti o maestri, non c'erano esaminandi o esaminatori, vi era solo un gruppo di persone "alla pari" che, con molta umiltà e tranquillità, si scambiava conoscenze, considerazioni, idee; una forma di condivisione e collaborazione mai vista prima. Complimenti sia ai Maestri che hanno preparato questi ragazzi sia a loro che si sono dimostrati all'altezza del grado ottenuto!
Poi è seguita, in altra sede, una seconda sessione di esami per il terzo e secondo grado di Vo Viet. Anche in questo caso il clima si è rivelato molto informale ed amichevole ma nello stesso tempo espressione di serietà e competenza. Complimenti anche ad Alessandro e Roberto per il loro impegno e simpatia.
E poi? Poi tutti schierati per la classica proclamazione dei risultati, il cambio di cintura e anche qualche "grado" assegnato a sorpresa direttamente dal GM Phan Hoang, sempre attento a ciò che facciamo e soprattutto a come lo facciamo.


Un grazie a tutti quanti! Perchè tutti quanti contribuiscono alla crescita ed all'evoluzione del Vietchi Institute nei suoi intenti più onesti ed impegnativi.
Un grazie particolare al nostro Presidente Edio, senza il quale tutto ciò non si sarebbe potuto realizzare (è il primo a sx in basso!).

Per vedere le foto dell'evento CLICCA QUI